FINO A -50% | UOMO  -  DONNA

Incontra James A. Grant e James Cox, I produttori della nostra serie Meet The Makers

MEET THE MAKERS | 24.06.2020

Noi di Dickies riconosciamo l'arte del lavoro, per questo abbiamo creato la serie Meet The Makers che getta uno sguardo sugli individui il cui spirito creativo li rende eccezionali nel loro campo. Il nostro ultimo film Independent Maker presenta i due creativi che hanno permesso la realizzazione della serie: Il fotografo di moda londinese James A. Grant e il videografo James Cox. Li abbiamo raggiunti per scoprire di più sulla realizzazione della serie e su alcune delle avventure che hanno affrontato.

Ciao ragazzi, benvenuti. Sarebbe bello sapere qualcosa in più su entrambi. Potreste darci qualche informazione sulle vostre esperienze passate?

JAG: Mi chiamo James Grant e sono un fotografo di moda, di ritratti e di contenuti documentaristici residente a Londra ma originario di Jersey nelle Isole del Canale. Prima di tornare a Londra nel 2012 ho lavorato all'estero come art director ed editor fotografico, oltre ad aver tenuto corsi di fotografia, e da allora ho lavorato come fotografo freelance per vari marchi. Quando non scatto foto, adoro fare surf e andare in moto e cerco di combinare queste attività tutte le volte che posso!

James A. Grant

 

Un riepilogo impressionante JAG! E tu James?

JC: Sono originario di Portsmouth ma ho vissuto in diverse parti del paese nel corso degli anni. Sono stato interessato al mondo della BMX da quando ero un adolescente e alla fine ho finito per correre per alcune squadre, il che era un mio sogno d'infanzia. Mentre correvo ho lavorato come graphic designer e ho girato video nel tempo libero, poi un giorno mi è stata data l'opportunità di correre un rischio e abbandonare la sicurezza del mio lavoro di graphic design per lavorare da solo a girare a tempo pieno. Ho accettato e alla fine, qualche anno dopo, ho avviato la mia azienda, la Black Dots Video. Quindi direi di aver fatto questo genere di cose, in una forma o nell'altra, da oltre 20 anni.

James Cox

 

Come sei stato coinvolto per la prima volta nel progetto Meet The Makers?

JAG: Il mio primo servizio di Dickies è stato per una collezione nel 2014 e da allora ho lavorato abbastanza coerentemente con te negli ultimi sei anni. Penso che i miei interessi mi abbiano sempre portato a fotografare persone "reali" e catturare momenti che altrimenti non sarebbero mai stati visti. Quindi, quando mi è stata offerta l'opportunità di girare la campagna Meet The Makers, non me la sono fatta sfuggire. Avevo già lavorato molto con James Cox e sapevo anche che il suo stile sarebbe stato perfetto per questo compito, quindi abbiamo formato una squadra e siamo partiti per riprendere i maker al lavoro e saperne di più su di loro!

 

Potete farci un riassunto di dove vi ha portato la campagna Meet The Makers e raccontarci i maker che avete incontrato lungo la strada?

JAG: Abbiamo iniziato a Londra per riprendere il mio buon amico Reino nel suo studio. È il capo gioielliere e proprietario di The Great Frog. Abbiamo passato una bella giornata seguendo i suoi processi dall'inizio alla fine, il che ci ha portato a fare un viaggio nel suo autobus per scoprire l'intero laboratorio presso il negozio principale di The Great Frog a Shoreditch. È stata un'operazione impressionante! Da lì ci siamo diretti a Colonia, in Germania, per riprendere il compagno di Coxie e corridore professionista di BMX Felix Prangenberg. Abbiamo trascorso la giornata con lui, riprendendo alcuni dei suoi luoghi preferiti della città. Sono rimasto entusiasta del fatto che Felix mi abbia anche permesso di indossare la sua medaglia degli X Games!

Abbiamo preso un volo per Nantes per incontrare Jeanne Duval con la quale abbiamo trascorso la giornata inseguiti dai temporali. Alla fine, quando siamo arrivati nel suo posto preferito, il tempo è cambiato ed è stato bello vedere Jeanne salire di nuovo sullo skateboard dopo essersi appena ripresa da un infortunio. Poi siamo tornati nel Regno Unito per riprendere il barbiere Paul Hewitt e la sua famiglia nel suo negozio di Bristol. È stato stimolante ascoltare l'incredibile viaggio che Paul ha intrapreso per raggiungere il livello al quale si trova ora. Abbiamo finito dove abbiamo iniziato, a Londra, con un altro mio amico: lo skateboarder, costruttore di motociclette e calzolaio Felix Jouanneau. È stato il modo perfetto per concludere il nostro viaggio. Abbiamo guidato motociclette, osservato Felix cavalcare lo skateboard e scoperto il folle processo che segue per creare i suoi pezzi.  

 

Avete affrontato delle difficoltà nel girare la campagna?

JC: A dire il vero tutto si è svolto senza problemi. Penso che l'unico problema vero sia stato quando JAG ha guidato la nostra auto a noleggio direttamente contro un masso, lasciandoci sul fianco di una montagna nella Foresta Nera per circa sei ore sotto la pioggia! Fortunatamente c'era una stazione di rifornimento che ci ha venduto abbastanza birre per aiutarci a passare il tempo fino a quando non siamo stati recuperati. Inoltre può essere abbastanza impegnativo passare da una ripresa all'altra senza pause. Vuoi arrivare a tutti con lo stesso entusiasmo e la stessa creatività del primo, anche se sei rimasto sveglio fino a tardi lavorando sull'ultimo protagonista o hai viaggiato tutta la notte per arrivare al successivo incontro in tempo. È

 

Con una selezione così incredibile di maker indipendenti e la possibilità di vedere una loro giornata "al lavoro", quali direste che sono stati i momenti salienti?

JC: Anche se non trascorriamo molto tempo con ogni maker, basta a vedere il tempo che dedicano alla loro passione, sviluppandola fino al punto in cui diventa la loro professione. Metterei anche JAG e me stesso in questa categoria, quindi passare del tempo con persone così talentuose ha motivato anche noi a fare meglio. Quando hai quello che sembra un lavoro da sogno, penso che le persone non si rendano conto che spesso non è qualcosa che cade dal cielo, ma il risultato di un sacco di fatica e determinazione. Ciò che ti rende un professionista è l'equilibrio tra orgoglio in ciò che fai e sufficiente adattabilità da trasformarlo in un servizio in cui le persone vogliono investire, e passare il tempo a guardare e imparare da questi maker è stata un'esperienza davvero ineguagliabile.



Go to top