FINO A -50% | UOMO  -  DONNA

Due chiacchiere con lo skater Dickies Jamie Foy

STORIE | 16.09.2020

Jamie Foy ha senza dubbio superato i confini dello skateboard. Ha conquistato innumerevoli rail e punti pericolosi con uno stile pionieristico e un sacco di acrobazie. Il nativo della Florida è passato dall'essere uno skater amatoriale relativamente sconosciuto a essere incoronato 'Skater dell’anno' del 2017 da Thrasher Magazine apparentemente dall'oggi al domani. Questo non vuol dire che questo riconoscimento sia stato immeritato; al contrario, è una testimonianza del talento e della proattività di Jamie. Nel corso degli anni ha pubblicato numerosi video rivoluzionari pur rimanendo uno dei ragazzi più amichevoli e con i piedi per terra a salire su uno skateboard. Abbiamo incontrato Jamie per parlare delle sue prime esperienze con lo skateboard, dei punti di svolta nella sua carriera, di numeri memorabili sullo skateboard, delle motivazioni, dei suoi hobby e altro ancora.

Quando hai iniziato a fare skateboard e perché?

Beh, è una lunga storia. Ho iniziato a un anno perché guardavo i miei vicini farlo tutto il tempo e pensavo fosse divertente, allora ho preso la tavola di mia sorella maggiore, mi sono inginocchiato e mi sono unito agli altri.

 

Chi ti ha ispirato all’inizio?

Praticamente tutti i ragazzi del luogo che erano più grandi e più bravi di me. Crescendo ho guardato diversi video, ma non vedendo quegli skater di persona non mi è mai piaciuto tanto quanto guardare i ragazzi bravi del posto.

Jamie Foy che effettua un back smith indossando i Pantaloni da lavoro con ginocchiere doppie Dickies

 

Apparentemente sei diventato famoso dall'oggi al domani, qual è stato finora il punto di svolta più significativo nella tua carriera da skater? E come ha cambiato la tua vita?

 Sì, è successo tutto abbastanza velocemente, ma direi che il punto di svolta principale per me è stato salire sugli skateboard Deathwish perché sono un'ottima società e mi hanno sostenuto al 100%. Sento che il supporto di un'azienda che ammiravo crescendo mi ha fatto desiderare di fare il meglio che potessi sia per loro che per me stesso. Principalmente è stato questo a dare il via alle danze. Sono orgoglioso di far parte di una società così fantastica!

 

Sei noto per fare le cose in grande: chiudere acrobazie difficili su rail enormi. Qual è l'acrobazia che soddisfa di più?

 Il trick che mi ha entusiasmato di più è stato probabilmente un front crook di El Toro, perché sebbene ci pensassi da anni non credevo l'avrei mai provato. È stato uno dei momenti più spaventosi della mia vita, ma poi quando sono atterrato è diventato anche uno dei più grandi momenti di sollievo della mia vita.

 

Fino ad ora, la tua presenza è stata molto incentrata sullo street. Tuttavia, ci sono filmati che girano in cui fai skate in una piscina. In futuro, dovremmo aspettarci più video con transizioni?

Non so se posso dirvi di aspettarvi più video con transizioni principalmente perché non esco mai a fare skate con l'obiettivo di fare filmati nelle piscine, ma se mi capita di trovarne una buona sono pronto a filmarci qualcosa dentro. Sicuramente amo sorprendere gli spettatori.

 

Cosa ti tiene motivato a cercare di superare i tuoi limiti e i confini dello skate?

 Direi che è principalmente lo sforzarmi a fare meglio e a farmi coraggio. Lo skate è una sorta di dipendenza in questo senso. Ti fissi sempre su un trick o un punto e non riesci a dormire finché non lo superi, ma una volta che lo fai cerchi quello successivo per riempire quel vuoto. Se sei appassionato di qualcosa, riesci a capire.

 

Lo skate ti ha portato in giro per il mondo, qual è la tua città europea preferita per lo fare skate? E qual è il tuo posto preferito in Europa?

Direi che la mia città europea preferita in cui fare skate non può che essere Barcellona. Lo dico basandomi solo sulla tranquillità e sui trasporti pubblici. È molto facile spostarsi in treno e ci sono un sacco di posti. Ogni volta che ti ritrovi a Barcellona è sempre uno spasso! È difficile scegliere un posto preferito perché non vuoi sempre fare skate nello stesso posto ogni giorno, ma questa è la bellezza di Barcellona: ha proprio di tutto!

Jamie Foy

 

Hai qualche interesse oltre ad andare sullo skateboard?

 Oltre allo skate, amo anche andare a pescare. Mi piace principalmente perché è l'esatto opposto di fare skateboard, ad esempio quando sei in un lago o in un oceano e ti rilassi. Per me l'obiettivo non è nemmeno quello di catturare pesci, a volte è come meditare.

 

Com’è fare skate per Dickies?

Fare skate per Dickies è fantastico. Viaggiare con la squadra è molto divertente e fanno alcuni dei pantaloni più resistenti del settore, quindi sono contento di poter essere sponsorizzato da qualcosa che sostengo davvero.

 

Cosa ti aspetta in futuro?

Andare dove mi porta il vento! Questo è un periodo piuttosto pazzo, l'ho passato solo uscendo e facendo skate, ma se tutto va bene finirà presto e potrò tornare a viaggiare e divertirmi con i miei amici!

 

Se vuoi saperne di più su Jamie, guarda la sua intervista per Behind The Board qui sotto.


Go to top